APPROFONDIMENTI

In una recente intervista per Identità on the road, il celebre chef Massimiliano Alajmo poneva l’attenzione sull’etimologia della parola “ingrediente“. Derivante dal latino ingrĕdi, letteralmente “entrare dentro”, l’ingrediente può essere interpretato come penetrazione della materia, proprio quello che avviene durante il procedimento di cottura: il calore penetra nei prodotti, cominciando dalla superficie per poi gradatamente raggiungerne il cuore, trasformandone forma, gusto e consistenza. Questo fenomeno si verifica ed è tangibile in ogni preparazione che vede il suo culmine proprio nella cottura che, solo quando è di qualità, trasforma la materia in maniera ottimale valorizzandola al meglio.
La frase “Il calore è un ingrediente®️”, coniata dal nostro CEO Mario Moretti, quindi, esprime un concetto che rientra perfettamente nella definizione sopra citata.
Che si tratti di un lievitato, di una pizza, di una brioche oppure di una ricetta di gastronomia, non si può prescindere dalla cottura: il calore, quindi, è un ingrediente trasversale, comune e essenziale ma che deve essere adeguatamente dosato e calibrato per ogni preparazione affinché svolga il suo compito perfettamente.

 

 

Interpretando e declinando il calore ogni giorno, diamo vita alla tecnologia attraverso cui questa magia può funzionare. Un’attrezzatura versatile e customizzata sulle proprie esigenze, inoltre, permette al professionista un’indagine quotidiana: riuscendo a dosare e calibrare il giusto calore in base alle diverse pietanze con precisione estrema si sperimentano esperienze gustative diverse, acquisendo una consapevolezza profonda sulla trasformazione della materia e quindi degli ingredienti, scoprendo proposte sempre nuove. Questa consapevolezza profonda sul valore della cottura a volte è poco percepita ma per noi rimane imprescindibile: Il calore è un ingrediente®️. Per un risultato perfetto deve essere di ottima qualità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Post comment